Informazioni sugli esperimenti in laboratorio


Partecipazione come soggetto

Crediti per la partecipazione

Partecipazione come sperimentatore


Partecipazione come soggetto

Tutte le teorie che si trovano sui testi di psicologia cognitiva e che si studiano nel corso non sono state "inventate" sulla base di riflessioni o considerazioni personali degli studiosi che le hanno proposte (come potrebbe essere nel caso di teorie filosofiche). Le teorie scientifiche hanno bisogno della ricerca empirica, e nel caso della psicologia questo comporta spesso l'osservazione di persone reali in situazioni controllate. Non potrebbe esserci nessun avanzamento della ricerca psicologica se non si trovassero persone che partecipano agli esperimenti. In tutti i laboratori di psicologia del mondo i soggetti degli esperimenti sono studenti di psicologia, non solo perchè sono le persone più immediatamente disponibili, ma anche perchè sono quelle che dovrebbero essere più interessate a capire il funzionamento di queste metodologie.

Gli esperimenti di psicologia cognitiva che si svolgono nel nostro laboratorio normalmente non indagano su aspetti personali di natura "sensibile"; se ciò dovesse essere fatto i partecipanti avrebbero diritto di saperlo. Gli studenti di psicologia dovrebbero conoscere la differenza tra esperimento e test. Nel caso del test il partecipante viene sottoposto a una prova allo scopo di valutare le differenze che quella persona soggettivamente presenta rispetto alle altre in un gruppo di riferimento. Questo non è ciò che interessa i partecipanti agli esperimenti in laboratorio, dove di solito i soggetti sono posti in condizioni (stimoli) diverse a seconda del gruppo a cui sono casualmente assegnati e ciò che interessa è la performance dei diversi gruppi a confronto. Non può esserci la preoccupazione di “andare male” perché non c’è nessuna valutazione e la performance dipende soprattutto dalle diverse condizioni che sono studiate per i diversi gruppi.

La partecipazione non è un favore personale fatto al Docente. Non ha senso studiare decine di esperimenti di psicologia cognitiva senza provare di persona e riflettere sul funzionamento della metodologia sperimentale. Al termine di ogni ciclo di esperimenti c'è un incontro in cui vengono spiegate le ipotesi oggetto della ricerca e come vengono trattati i dati.

Nello specifico di questo corso, si richiede la partecipazione minima ad un solo esperimento; il laboratorio COGNILAB si trova in via Balbi 6, e il tempo da dedicare a questa attività raramente supera un'ora, tra il tempo dello spostamento (tre fermate di autobus) e il tempo dell'esperimento (circa mezz'ora), di solito senza attese improduttive perchè l'appuntamento si prenota online, anche in orari utili per gli studenti che lavorano.

Gli studenti sono tutelati, come qualunque altro soggetto, dal codice etico della ricerca psicologica e dunque possono ritirare la propria disponibilità in qualunque momento, avere la garanzia che i propri dati siano trattati in maniera anonima e riservata, e avere tutte le spiegazioni richieste. A differenza dei comuni “soggetti”, tuttavia, gli studenti di psicologia dovrebbero avere una particolare consapevolezza circa il ruolo e il valore della partecipazione ad esperimenti di psicologia. In questo senso sarebbe desiderabile che gli studenti che avessero delle obiezioni di principio sullo svolgimento di tale attività fornissero una comunicazione scritta al docente, esprimendo chiaramente tali motivazioni. Questa dichiarazione, non obbligatoria, serve per capire quali problemi possano avere gli studenti di psicologia circa la partecipazione ad esperimenti.


Crediti per la partecipazione

La partecipazione alle ricerche in laboratorio come soggetto potrà essere usata per sostituire l'unità di studio sulle ricerche sperimentali. 

Inoltre darà diritto all’acquisizione di un’ora che sarà registrata sul foglio presenze agli esperimenti di psicologia del Dipartimento purchè lo studente si presenti con il foglio presenze scaricabile dal sito del DISFOR.

Pagina di prenotazione per l’appuntamento 


Partecipazione come sperimentatore

Una modalità diversa di collaborazione con il COGNILAB è costituita dalla frequenza del laboratorio come stage interno, conseguendo 1 credito da far valere sui "crediti altri" dopo 25 ore di frequenza. 

Lo stage consiste nella partecipazione alle attività di gruppo in cui viene discussa la preparazione degli esperimenti (teorie di riferimento, preparazione degli stimoli, messa a punto del programma), la loro esecuzione (appuntamenti, controllo dello svolgimento), la loro analisi (gestione dei fogli dati in Excel, analisi statistiche, interpretazione dei risultati). Non è richiesta una preparazione pregressa di tipo informatico.

Per partecipare in questa veste, lo studente deve compilare un questionario di richiesta e l'accettazione sarà valutata in relazione alla preparazione dello studente, alle sue motivazioni e alle disponibilità del laboratorio. Le attività del laboratorio si svolgono di norma il giovedì pomeriggio dalle 15 alle 18 e per avere 1 credito dovranno essere frequentati 8 incontri.

Ultime modifiche: martedì, 25 settembre 2018, 13:02